Homepage » Informazioni e news

Informazioni e news

Incidente Scolmatore: per la manutenzione in sicurezza delle strade extraurbane resta molto da fare

Il Presidente Pardini, intervistato da Il Telegrafo Livorno, spera che il recente sinistro mortale serva da nuovo monito all'azione

Data: 09/02/2018

Incidente Scolmatore: per la manutenzione in sicurezza delle strade extraurbane resta molto da fare

“Con le indagini ancora in corso e in attesa dei risultati delle perizie degli esperti per accertare nel dettaglio le cause del sinistro, l’Automobile Club Livorno si astiene dal formulare qualsiasi giudizio sull’incidente verificatosi all’altezza del ponte sullo Scolmatore e costato la vita qualche sera fa a due giovani ragazzi. Al di là delle eventuali responsabilità sull’omessa manutenzione e/o adeguamento del sistema di protezione del guardrail che verranno stabilite da chi di dovere, l’Ente di via Verdi invita solo a prendere spunto dal tragico episodio per riflettere su quanto ancora resti da fare nel nostro Paese in materia di piena messa in sicurezza per molte strade extraurbane, siano esse statali o provinciali.

Per quanto possibile, l’AC labronico si è sempre speso per cercare di stimolare all’azione i soggetti competenti, attraverso campagne mediatiche condotte con interventi lungo le colonne dei quotidiani locali. In più, proprio riguardo a un’area tanto trafficata quanto critica come quella della Statale Aurelia all’uscita dai confini cittadini verso nord, già anni fa l’Ente prese spunto da un tragico precedente (quando la vita di un giovane 21enne livornese venne stroncata dal violento scontro della sua auto contro un albero), per inviare un messaggio forte. Presso le delegazioni ACI fu difatti sponsorizzata una raccolta di firme promossa all'indomani della tragica fatalità da due amici della vittima. La petizione, rimasta purtroppo tutt’oggi inascoltata, era sulla carta finalizzata alla messa in sicurezza del tratto adiacente la base militare statunitense, considerato da sempre ad alto margine di rischio a causa anche di quel lungo filare di pini di largo fusto che costituisce un potenziale ostacolo e quindi un pericolo in causa di uscita di strada.

Anche di recente, la Direzione Studi e Ricerche dell'ACI continua a rilevare la pericolosità proprio di quella parentesi d’asfalto compresa tra il km 322 ed il 325 dell’Aurelia (vale a dire quello che accompagna in direzione nord i mezzi appena usciti dal centro abitato di Stagno e costeggia poi l’area di Camp Darby): nel 2016 si sono verificati 4 incidenti di cui uno mortale con un decesso e 4 feriti, 2 le collisioni nel 2015 con 5 feriti e un morto, un incidente nel 2014 con un ferito.

Maggiore sicurezza sulle strade non equivale esclusivamente a porre a bordo strada una batteria di autovelox; l'abbattimento dei rischi significa soprattutto porre in essere tutte quelle misure che tendano a trasformare gradualmente una strada in un tracciato quanto più semplice da percorrere. E con la garanzia di una più alta probabilità possibile di arrivo a destinazione”.

Franco Pardini

Presidente AC Livorno

In allegato, il file .pdf con l'articolo pubblicato da Il Telegrafo in data 6/2/2018

documento allegato