Homepage » Informazioni e news

Informazioni e news

Car-Sharing a distanza di un anno Aci Livorno chiede un report dettagliato al responsabile sviluppo e finanze di Playcar, valerio Spada.

A distanza di quasi un anno, Aci Livorno si è chiesta quali sono i primi risultati di utilizzo e riscontro da parte dei cittadini livornesi.

Data: 15/09/2022

Car-Sharing a distanza di un anno Aci Livorno chiede un report dettagliato al responsabile sviluppo e finanze di Playcar, valerio Spada.Il 22 gennaio del 2022 è stato inaugurato il nuovo servizio di car-sharing con auto nuove e totalmente elettriche. Il servizio è offerto dalla società Playcar, che è stata selezionata nell’ambito del progetto Modì come gestore del servizio. Come incentivo, il Comune di Livorno ha co-finanziato la sperimentazione con un importo una tantum di avvio servizio. Inoltre, il Comune di Livorno agevola i cittadini pagando il 15% della tariffa oraria dovuta da questi ultimi. In altre parole, il servizio è offerto da Playcar - che ha ricevuto un contributo di avvio servizio dal Comune; i cittadini ricevono un contributo dal comune se utilizzano il servizio. Il servizio sperimentale consta di sei auto, così ubicate: due in via del Porticciolo, una in piazza del Pamiglione; una sugli scali D'Azeglio; una in via Grande e una in piazza Dante. A distanza di quasi un anno, Aci Livorno si è chiesta quali sono i primi risultati di utilizzo e riscontro da parte dei cittadini livornesi. Intervistiamo per voi Valerio Spada, responsabile del progetto pilota, per avere maggiori dettagli su una prima analisi riguardante il noleggio nella nostra città. Valerio, ci hai comunicato che, per adesso, sui sei veicoli della flotta pilota, quattro veicoli hanno registrato degli apprezzabili risultati. Quali sono le due vetture che ancora registrano poche richieste? È vero, la risposta del noleggio a Livorno sta registrando dei buoni e soddisfacenti risultati. Quattro auto su sei vengono utilizzate abitualmente (e questo ci fa molto piacere). I due veicoli ancora poco utilizzati sono quelli ubicati vicino al Comune di Livorno, posizione non molto visibile ma scelta per andare incontro alle esigenze dei dipendenti del Comune o per chi avesse avuto bisogno di recarsi in quella zona. Infatti, tra circa un mese verrà avviato il servizio per le pubbliche amministrazioni (Comune di Livorno e Provincia). Questo consentirà ai dipendenti della pubblica amministrazione di utilizzare i veicoli in sharing (in condivisione con gli stessi cittadini) nello svolgimento delle proprie funzioni. In questo modo si ridurrà l’utilizzo delle costose e poco efficienti auto di servizio, garantendo allo stesso tempo una maggiore presenza sul territorio a tutti i settori. Chi utilizza maggiormente il servizio di Car Sharing? Perché? Il servizio viene utilizzato un po’ da tutti e per diverse ragioni. Infatti, oltre che da parte dei giovani, abbiamo riscontrato un utilizzo abituale anche di persone che hanno una certa età. Come previsto, i casi di utilizzo più frequenti sono i brevi tragitti andata e ritorno con partenza dal centro storico e gli utilizzi saltuari fuori città sulle medie distanze. Nel primo caso, trattasi di residenti ed esercenti che utilizzano il servizio per le commissioni quotidiane e che hanno così la certezza di trovare un parcheggio al loro rientro. Il secondo caso di utilizzo, invece, è rappresentato dalle gite fuori porta effettuate nel weekend o dai brevi viaggi di lavoro. Inoltre, si registra una buona richiesta anche in prossimità della stazione di Livorno. Si pensi, banalmente, a chi arriva in città per lavoro o per impegni personali e ha delle necessità di movimento che un taxi non può soddisfare: il cliente noleggia l’auto alla stazione e la rilascia al momento di riprendere il treno una volta terminate le commissioni in città. Ricordiamo che tutte le partite Iva e le aziende hanno la possibilità di farsi fatturare il servizio e registrarlo come costo. Valerio, puoi comunicarci alcuni dettagli sulle ore di utilizzo e km effettuati in questi primi otto mesi di attività a Livorno? Il servizio nei giorni feriali è utilizzato nelle fasce orarie coincidenti con gli orari di apertura delle attività commerciali, ovvero, la notte, dopo il termine degli orari in cui è attivo il trasporto pubblico. Nel weekend e nei festivi, invece, gli utilizzi sono distribuiti nell’arco dell’intera giornata. Dall’avvio del servizio, i veicoli hanno percorso circa 20.000 km, non poco per un servizio in fase pilota che ha una disponibilità di soli 6 veicoli. Playcar, oltre che operatore di servizi Car Sharing, possiede anche una divisione, chiamata Playmoove, che si occupa di sviluppo software e consulenza per altri operatori della mobilità. Questo ci permette di avere una notevole conoscenza dei risultati medi nell’avvio di un servizio di questo tipo in una città di queste dimensioni: indubbiamente la città di Livorno ha risposto egregiamente a questa sperimentazione, soprattutto se si considerano le piccole dimensioni della flotta. Qual è il consumo energetico? E quali sono i costi di manutenzione? I servizi di sharing mobility non sono famosi per essere remunerativi. Tuttavia, grazie alla nostra esperienza decennale nel Car Sharing e nella progettazione di soluzioni di mobilità sostenibile, riusciamo a mantenere l’equilibrio finanziario nella gestione del servizio. Ci teniamo a ricordare che questa sperimentazione ha lo scopo di far conoscere ai cittadini livornesi le potenzialità della mobilità condivisa e, contestualmente, valutare l’opportunità di creare un servizio permanente e distribuito su tutto il territorio comunale.